OMINIDI E UOMO


Darwin

Il nostro albero genealogico senza rami né radici

Anche l’evoluzione dell’Uomo è in discussione. L’albero genealogico fornitoci dagli evoluzionisti viene sconvolto da sempre nuove scoperte, che spingono i nostri presunti “progenitori comuni fra uomo e scimmia” alla posizione di rami collaterali.

A più riprese, dai tempi di Darwin, gli evoluzionisti hanno creduto di ravvisare in fossili resti di ominoidi, gli ipotetici comuni antenati di uomini e primati, nonché di ominidi, razze simili all’homo sapiens, ma ancora sottosviluppate, subumane.

L’uomo di Neanderthal
L’uomo di Neanderthal, estintosi “solo” 25 mila anni fa (già esisteva l’uomo moderno), non solo ha perso il posto di nostro “antenato”, ma anche quello di parente collaterale. Due studi recenti hanno ricavato il DNA del Neanderthal: è cosi diverso dal nostro, che le due specie non potevano unirsi ed avere prole. Era una umanità aliena. Da poco in Spagna (ad Atapuerca) è stato trovato il fossile d’un uomo di 780 mila anni, eppure completamente moderno. Così moderno che gli imbarazzati evoluzionisti hanno creato una specie apposta per lui: Homo Antecessor (“che precede gli altri”) (1).

Il Ramapithecus
Nel 1932, per esempio, fu scoperto in India un fossile, i frammenti di una mandibola e di alcuni denti, che pareva qualcosa di diverso dall’uomo e dai primati in genere. “Un ominide” fu l’immediata ipotesi dei ricercatori darwiniani. La ragione della supposizione era che i denti incisivi e i canini del fossile erano più piccoli di quelli dei primati moderni.
Ma dopo 40 anni di studi sul supposto ominide chiamato Ramapithecus, Robert Eckard, paleontologo dell’università di Pennsylvania, è arrivato alla conclusione, accettata dalla maggior parte dei ricercatori, che “dal punto di vista morfologico, ecologico e del comportamento” il Ramapithecus e altri fossili del genere sembrano essere stati dei semplici primati.

L’Australopithecus
Un altro ipotetico antenato dell’uomo è stato considerato fino a poco tempo fa l’Australopithecus, nome attribuito a un considerevole numero di fossili scoperti nell’Africa orientale da diversi paleontologi, fra cui Louis Leakey. Si riteneva, ma non tutti erano d’accordo, che l’Australopithecus fosse vissuto dai due ai tre milioni di anni fa.
Si disse che era stato in grado di camminare in posizione eretta come l’uomo e che inoltre aveva usato alcuni strumenti piuttosto rudimentali.
Ma dopo anni di studi e di dispute Richard Leakey, figlio di Louis, anche egli paleontologo, ha potuto stabilire che “l’ominide” aveva braccia lunghe e gambe corte, che probabilmente non aveva un comportamento eretto e che il suo cervello era di appena 500 centimetri cubici. Un’altra varietà di primate, insomma.

Tratto da Storia Libera: (1) Maurizio Blondet, Darwin alle corde?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...