NEODARWINISMO, CONCORDISMO E ANTIDARWINISMO… FALSA SCIENZA

Locandina roma

 

La chiarezza delle posizioni è il primo passo per comprendere con chi si sta discutendo, collaborando o sviluppando una idea. Dalla chiarezza delle idee, poi, si è quindi in grado di verificare quale tipo di ragionamento viene elaborato da una e dall’altra parte. Il mondo evoluzionista, arrogante come pochi, da sempre crede di avere trovato una soluzione al problema dell’esistenza della vita e del suo sviluppo sul nostro mondo. Andando a fondo nei ragionamenti e nei discorsi presentati a sostegno delle loro tesi, però, alla fine si incappa in un atto di fede in cui la vita si sarebbe  generata spontaneamente o forse  giunta a noi dallo spazio. In entrambi i casi nessun reale dato scientifico verificabile è presentato a sostegno della tesi che vorrebbe sostenere la posizione naturalista.

 

All’antitesi della posizione naturalista troviamo la scuola creazionista il cui rappresentante in Italia è l’ing Stefano Bertolini, spesso in America e in contatto con studiosi riconosciuti a livello mondiale. In Italia è anche il referente dell’associazione creazionista che fa capo a J. Sanford e lui stesso è presidente dell’’associazione studi sulle origini. Lontani dalle sue posizioni troviamo tutti coloro che seguono la scuola americana del progetto intelligente (intelligent designer), i concordisti e gli antidarwinisti.

 

  • Il progetto intelligente è la scuola che individua un’intelligenza nella complessità della vita. Non si indica in nessun modo da dove provenga la volontà razionale che avrebbe dato origine al tutto, è una scuola di pensiero e di tipo scientifico e attivissima negli Stati Uniti d’America con molti finanziamenti e diversi scienziati, professori e ricercatori attivi nella ricerca a sostegno di questa posizione.

 

  • I concordisti sono coloro che cercano di mettere assieme la visione naturalista con quella creazionista, hanno posizioni variegate lontanissime dalla scienza sperimentale e empirica, nella sostanza, la loro posizione è semplice: Dio ha creato e ha dato modo per cui si sviluppasse tutta la vita con meccanismi regolati e voluti da lui. Il mondo Cattolico italiano è spesso su questo tipo di posizione, anche se fuori dai confini del paese è più facile incontrare Cattolici creazionisti di tipo biblico

 

  • Gli antidarwinisti si avvicinano molto ai concordisti, hanno una posizione semplificabile con l’assunto per cui il neodarwinismo non funziona, il modo in cui si spiega la complessità non è falsificabile, non accettano la spiegazione data dagli studiosi darwinisti ma appoggiano la evoluzione della specie basandosi sul fatto che nell’arco della storia della vita le forme e le specie esistenti sono differenziate.

 

Gli anti-evoluzionisti, invece, sono coloro che ritengono tutte le spiegazioni basate su una ipotetica evoluzione (dal più semplice al più complesso) siano false e non scientifiche. Sono convinti del fatto per cui la realtà sia ora non conosciuta; dall’origine della vita come la presenza delle diverse specie non ha nessun tipo di spiegazione verificabile. Le diverse ipotesi presentate da tutte le scuole sopra citate sono parte di un atto di fede soggettivo.

 

Esistono specie differenziate e specifiche, il perché e il come mai esistano non è a oggi spiegabile con la scienza galileiana. Per gli anti-evoluzionisti i neodarwinisti come i concordisti o gli antidarwinisti sono sullo stesso piano, stabiliscono un paradigma di pensiero basato su una loro volontà fideistica e sviluppano ipotesi non dimostrabili. I creazionisti come i referenti del progetto Intelligente si posizionano in altro modo. I primi dichiarano che il neodarwinismo e il cerazionismo sono sullo stesso piano, si basano su un atto di fede (quindi sono piu’ onesti) e considerano valide le loro ipotesi in relazione al fatto che il neodarwinismo è considerato scienza. I sostenitori del Progetto Intelligente, invece, sostengono con forza l’idea di scienza delle loro ipotesi e vogliono essere valutati sullo stesso piano del neodarwinismo

 

 

 

 

CONGRESSO ANTIEVOLUZIONISTA

Sintesi e il comitato anti-Darwin collaborano come antivoluzionsiti all’organizzazione di:

COSA RESTA DI DARWIN?

MILANO

16-17 OTTOBRE 2009

PRIMO CONGRESSO CREAZIONISTA

 NELL’ANNO DEL CELEBRE NATURALISTA

Un messaggio comune da Newton, Pasteur……fino all’ Intelligent Design.

LA VOSTRA PARTECIPAZIONE SARA’ UNA PREZIOSA TESTIMONIANZA!

Cosa rimane della teoria di Darwin?

Per la storiografia ufficiale la teoria di Darwin è stata subito accolta trionfalmente come il nuovo vangelo della Biologia. Ma i fatti sono diversi. All’inizio – 150 anni fa – e per molti anni a seguire, la teoria di Darwin era rigettata dalla stragrande maggioranza degli scienziati, come riferiva Darwin stesso nel 1872 nell’ultima edizione de “L’origine della specie”.

Nel 1883 – un anno dopo la morte di Darwin, fu pubblicato il lavoro fondante del neodarwinismo che rendeva indifendibile il darwinismo classico.

Nei primi quattro decenni del ‘900 lo sviluppo della biologia e della genetica distrussero la credibilità della teoria dell’evoluzione fino al punto che si parlò di <<morte del darwinismo>>.

Solo dopo nacque la cosiddetta << teoria sintetica>> che cercò di conciliare le conoscenze biologiche e genetiche con il darwinismo. La prima rivista scientifica di biologia evolutiva fu fondata soltanto nel 1947, 90 anni dopo la pubblicazione de “L’origine della specie”.

Poi negli anni 70 nacque la <<teoria degli equilibri punteggiati>> e poi altre teorie ancora, tutti proponenti meccanismi evolutivi in contraddizione uno con l’altro.

Ma se si ammette di non conoscere il meccanismo con il quale l’evoluzione procede, allora come si può affermare, come fanno i biologi evoluzionisti, che l’evoluzione è un fatto incontestabile?

Dopo 150 anni di ricerche nel campo della biologia molecolare, della genetica, della paleoantropologia, esiste ormai una nutrita schiera di scienziati che dissocia apertamente da questa teoria. Si fa strada il concetto fondante che negli organismi viventi sia manifesta una complessità irriducibile e specificata, che necessità una intelligenza esterna per dare frutto a questa complessità.

In tempi recenti, la nascita e l’affermazione di un movimento intellettuale come l’ Intelligent Design (ID) cioè di un programma di ricerca, finalizzato a restituire dignità scientifica al progetto all’interno della scienza, rappresenta un elemento di continuità culturale con i grandi pensatori del passato che hanno ritenuto che la realtà della vita è spiegabile meglio come risultato di un progetto intelligente piuttosto che come prodotto di un processo naturale.

L’ID è perciò un importante punto di riferimento contro l’egemonia del naturalismo, un tentativo di reintrodurre la legittimità delle interpretazioni non materialistiche nelle scienze.

Sono maturi i tempo, anche in Italia, per affrontare una seria e approfondita riflessione sulla crisi scientifica e filosofica del darwinismo e riaffermare le ragioni del Creazionismo. Che non è, come si lascia credere, il luogo dell’ignoranza e della superstizione, ma un pensiero forte che ha viaggiato, fin dalla nascita della scienza moderna, con le idee di grandi uomini da Pascal a Newton, da Mendel a Pasteur e, in casa nostra, da Alessandro Volta e Enrico Fermi.

Maggiori informazioni saranno comunicate a Settembre.

Per maggiori informazioni potete contattare fabrizio fratus:
fabriziofratus@hotmail.com  339 1882063

 

BLITZ ANTIEVOLUZIONISTA AL LICEO CLASSICO PARINI

 

 

2 pensieri su “NEODARWINISMO, CONCORDISMO E ANTIDARWINISMO… FALSA SCIENZA

  1. Pingback: IL TALEBANO

  2. Pingback: Chi sono gli antievoluzionisti italiani | COMITATO ANTIEVOLUZIONISTA

I commenti sono chiusi.