Protein-Binding Sites ENCODEd into the Design of the Human Genome


BY FAZALE RANA

At last year’s AMP Conference, I delivered a talk titled: “How the Greatest Challenges Can Become the Greatest Opportunities for the Gospel.” I illustrated this point by describing three scientific concepts related to the origin of humanity that 20 years ago stood as insurmountable challenges to the traditional biblical view of human origins. But, thanks to scientific advances, these concepts have been replaced with new insights that turn these challenges into evidence for the Christian faith.

The Challenge of Junk DNA

One of the challenges I discussed centered on junk DNA—nonfunctional DNA littering the genomes of most organisms. Presumably, these nonfunctional DNA sequences arose through random biochemical, chemical, and physical events, with functional DNA converted into useless junk, in some instances. In fact, when the scientific community declared the human genome sequence completed in 2003, estimates at that time indicated that around 95 percent of the human genome consist of junk sequences.

Since I have been involved in apologetics (around 20 years), skeptics (and believers) have regarded the high percentages of junk DNA in genomes as a significant problem for intelligent design and creation models. Why would an all-powerful, all-knowing, and all-good God create organisms with so much junk in their genomes? The shared junk DNA sequences found among the genomes of humans and the great apes compounds this challenge. For many, these shared sequences serve as compelling evidence for common ancestry among humans and the other primates. Why would a Creator introduce nonfunctional DNA sequences into corresponding locations in genomes of humans and the great apes?

But what if the junk DNA sequences are functional? It would undermine the case for common descent, because these shared sequences could reasonably be interpreted as evidence for common design.

The ENCODE Project

In recent years, numerous discoveries indicate that virtually every class of junk DNA displays function, providing mounting support for a common-design interpretation of junk DNA. (For a summary, see the expanded and updated edition of Who Was Adam?) Perhaps the most significant advance toward that end came in the fall of 2012 with the publication of phase II results of the ENCODE project—a program carried out by a consortium of scientists with the goal of identifying the functional DNA sequence elements in the human genome.

To the surprise of many, the ENCODE project reported that around 80 percent of the human genome displays function, with the expectation that this percentage should increase with phase III of the project. Many of the newly recognized functional elements play a central role in regulating gene expression. Others serve critical roles in establishing and maintaining the three-dimensional hierarchical structure of chromosomes.

If valid, the ENCODE results would force a radical revision of the way scientists view the human genome. Instead of a wasteland littered with junk DNA sequences, the human genome (and the genome of other organisms) would have to be viewed as replete with functional elements, pointing to a system far more complex and sophisticated than ever imagined—befitting a Creator’s handiwork. (See the articles listed in the Resources section below for more details.)

ENCODE Skeptics

Within hours of the publication of the phase II results, evolutionary biologists condemned the ENCODE project, citing a number of technical issues with the way the study was designed and the way the results were interpreted. (For a response to these complaints go here, here, andhere.)

These technical complaints continue today, igniting the junk DNA war between evolutionary biologists and genomics scientists. Though the concerns expressed by evolutionary biologists are technical, some scientists have suggested the real motivation behind the criticisms of the ENCODE project are philosophical—even theological—in nature. For example, molecular biologists John Mattick and Marcel Dinger write:

There may also be another factor motivating the Graur et al. and related articles (van Bakel et al. 2010; Scanlan 2012), which is suggested by the sources and selection of quotations used at the beginning of the article, as well as in the use of the phrase ‘evolution-free gospel’ in its title (Graur et al. 2013): the argument of a largely non-functional genome is invoked by some evolutionary theorists in the debate against the proposition of intelligent design of life on earth, particularly with respect to the origin of humanity. In essence, the argument posits that the presence of non-protein-coding or so-called ‘junk DNA’ that comprises >90% of the human genome is evidence for the accumulation of evolutionary debris by blind Darwinian evolution, and argues against intelligent design, as an intelligent designer would presumably not fill the human genetic instruction set with meaningless information (Dawkins 1986; Collins 2006). This argument is threatened in the face of growing functional indices of noncoding regions of the genome, with the latter reciprocally used in support of the notion of intelligent design and to challenge the conception that natural selection accounts for the existence of complex organisms (Behe 2003; Wells 2011).1

Is DNA-Binding Activity Functional?

Even though there may be nonscientific reasons for the complaints leveled against the ENCODE project, it is important to address the technical concerns. One relates to how biochemical function was determined by the ENCODE project. Critics argued that ENCODE scientists conflated biochemical activity with function. As a case in point, three of the assays employed by the ENCODE consortium measure binding of proteins to the genome, with the assumption that binding of transcription factors and histones to DNA indicated a functional role for the target sequences. On the other hand, ENCODE skeptics argue that most of the measured protein binding to the genome was random.

Most DNA-binding proteins recognize and bind to short stretches of DNA (4 to 10 base pairs in length) comprised of highly specific nucleotide sequences. But given the massive size of the human genome (3.2 billion genetic letters), nonfunctional binding sites will randomly occur throughout the genome, for statistical reasons alone. To illustrate: Many DNA-binding proteins target roughly between 1 and 100 sites in the genome. Yet, the genome potentially harbors between 1 million and 1 billion binding sites. The hundreds of sites that are slight variants of the target sequence will have a strong affinity to the DNA-binding proteins, with thousands more having weaker affinities. Hence, the ENCODE critics maintain that much of the protein binding measured by the ENCODE team was random and nonfunctional. To put it differently, much of the protein binding measured in the ENCODE assays merely is a consequence of random biochemical activity.

Nonfunctional Protein Binding to DNA Is Rare

This challenge does have some merit. But, this criticism may not be valid. In an earlier response to this challenge, I acknowledged that some protein binding in genomes will be random and nonfunctional. Yet, based on my intuition as a biochemist, I argued that random binding of proteins throughout the genome would be disruptive to DNA metabolism, and, from an evolutionary perspective would have been eliminated by natural selection. (From an intelligent design/creation model vantage point, it is reasonable to expect that a Creator would design genomes with minimal nonfunctional protein-binding sites.)

As it happens, new work by researchers from NYU affirms my assessment.2 These investigators demonstrated that protein binding in genomes is not random but highly specific. As a corollary, the human genome (and genomes of other organisms) contains very few nonfunctional protein-binding sites.

To reach this conclusion, these researchers looked for nonfunctional protein-binding sites in the genomes of 75 organisms, representative of nearly every major biological group, and assessed the strength of their interaction with DNA-binding proteins. The researchers began their project by measuring the binding affinity for a sample of regulatory proteins (from humans, mice, fruit flies, and yeast) with every possible 8 base pair sequence combination (32,896). Based on the binding affinity data, the NYU scientists discovered that nonfunctional binding sites with a high affinity for DNA binding proteins occurred infrequently in genomes. To use scientific jargon to describe their findings: The researchers discovered a negative correlation between protein-binding affinity and the frequency of nonfunctional binding sites in genomes. Using statistical methods, they demonstrated that this pattern holds for all 75 genomes in their study.

They attempted to account for the frequency of nonfunctional binding sequences in genomes by modeling the evolutionary process, assuming neutral evolution in which random mutations accrue over time free from the influence of natural selection. They discovered that this modeling failed to account for the sequence distributions they observed in the genomes, concluding that natural selection must have weeded high affinity nonfunctional binding sites in genomes.

These results make sense. The NYU scientists point out that protein mis-binding would be catastrophic for two reasons: (1) it would interfere with several key processes, such as transcription, gene regulation, replication, and DNA repair (the interference effect); and (2) it would create inefficiencies by rendering DNA-binding proteins unavailable to bind at functional sites (the titration effect). Though these problems may be insignificant for a given DNA-binding protein, the cumulative effects would be devastating because there are 100 to 1,000 DNA-binding proteins per genome with 10 to 10,000 copies of each protein.

The Human Genome Is ENCODEd for Design

Though the NYU researchers conducted their work from an evolutionary perspective, their results also make sense from an intelligent design/creation model vantage point. If genome sequences are truly the product of a Creator’s handiwork, then it is reasonable to think that the sequences comprising genomes would be optimized—in this case, to minimize protein mis-binding. Though evolutionary biologists maintain that natural selection shaped genomes for optimal protein binding, as a creationist, it is my contention that the genomes were shaped by an intelligent Agent—a Creator.

These results also have important implications for how we interpret the results of the ENCODE project. Given that the NYU researchers discovered that high affinity nonfunctional binding sites rarely occur in genomes (and provided a rationale for why that is the case), it is difficult for critics of the ENCODE project to argue that transcription factor and histone binding assays were measuring mostly random binding. Considering this recent work, it makes most sense to interpret the protein-binding activity in the human genome as functionally significant, bolstering the original conclusion of the ENCODE project—namely, that most of the human genome consists of functional DNA sequence elements. It goes without saying: If the original conclusion of the ENCODE project stands, the best evidence for the evolutionary paradigm unravels.

Our understanding of genomes is in its infancy. Forced by their commitment to the evolutionary paradigm, many biologists see genomes as the cobbled-together product of an unguided evolutionary history. But as this recent study attests, the more we learn about the structure and function of genomes, the more elegant and sophisticated they appear to be. And the more reasons we have to believe that genomes are the handiwork of our Creator.

Resources

Il DNA di uno scimpanzé


DNA

 

Domanda e risposta

Desidero proporre due domande al dott. Nobile Migliore:

I) Durante una trasmissione televisiva hanno detto, che la differenza fra il DNA di uno scimpanze e quello umano e’ solo dell ‘1 %.Si riferiscono al DNA che codifica per le proteine, o a tutto il DNA?

2) Sappiamo che i microbi mutano in base alla situazione ambientale. Questo sembra confermare il parere degli evoluzionisti. Durante una trasmissione avevo sentito questa affermazione del prof.
Boncinelli: durante un incendio boschivo, le piante mandano segnali alle piante della zona per prepararle al pericolo. E’ Vero? Domanda: i microbi che vivono problemi ambientali, mandano segnali
” opportuni ” agli altri microbi? La reazione difensiva e’ casuale, o avviene in modo opportuno, variando proteine opportune? Questo sarebbe una conferma di PROGETTO INTELLIGENTE ( per me di OPERA DI UN CREATORE ).

AISO risponde:

Riguardo al primo quesito sembra da studi recenti che l’1% di diversità genetica tra l’uomo e lo scimpanzé si riferisca alla porzione di DNA codificante proteine, se si considera tutto il DNA la differenza sarebbe maggiore ,attorno al 20-30%;sino a poco tempo fa il DNA non codificante era considerato come DNA spazzatura e quindi non veniva nemmeno preso in considerazione; ora però si è visto che una forte percentuale di questo DNA è funzionale e si è visto quindi che in totale la differenza tra uomo e scimpanzé è maggiore. Riguardo al secondo quesito per dir la verità non posseggo informazioni su segnalazioni che le piante  fanno alle altre in caso di pericolo o di cambiamenti ambientali, tuttavia è possibile che ciò avvenga; infatti in tutti gli esseri viventi esistono secrezioni di specifiche sostanze chiamate ferormoni che sono recepite dagli altri animali della stessa specie come segnali sessuali, o come segnali di pericolo o di adattamenti di altro genere rispetto a cambiamenti ambientali. L’esistenza di questi segnali però non dimostra assolutamente l’evoluzione nè il meccanismo darwiniano dell’evoluzione. Anzi questi meccanismi di segnalazione sono irriducibilmente complessi perchè richiedono non soltanto l’esistenza delle ghiandole secretive dei ferormoni ma anche l’esistenza contemporanea negli animali che ricevono il segnale dei recettori dei ferormoni e dei meccanismi nervosi di trasduzione del segnale. Perchè funzioni il tutto è necessario che queste strutture devono essere sorte contemporaneamente e improvvisamente, mettendo cosi in crisi ogni meccanismo darwiniano. Inoltre è noto anche che anche nell’uomo e negli altri mammiferi esistono dei meccanismi adattativi per i cambiamenti ambientali; nel passaggio, per esempio, da un ambiente caldo ad uno freddo esistono complessi meccanismi per mantenere costante la temperatura interna come la vasocostrizione per trattenere il calore, o le contrazioni muscolari per produrre maggiormente calore  che si manifestano col brivido ecc. Anche questi meccanismi sono altamente integrati. Per quanto riguarda i batteri esistono anche in questo caso meccanismi, in caso di stress ambientali di comunicazione tra batteri; per esempio vengono trasferiti da un batterio all’altro i cosiddetti plasmidi che sono dei geni posseduti da certi batteri o, altro esempio,  sulla resistenza agli antibiotici. Questi plasmidi penetrano in altri batteri dando loro la proprietà della resistenza agli antibiotici. Ci sono anche i cosiddetti batteri estremofili, cioè quelli che vivono presso sorgenti termali in acque caldissime anche sui 100 gradi; questi batteri sono sottoposti a fenomeni di distruzione del loro DNA molto più alto degli organismi che vivono in temperature più basse. Ebbene questi batteri hanno dei meccanismi altamente sofisticati di riparazione del loro DNA danneggiato. Altro che organismi primitivi come si è pensato in un primo tempo. Come si vede da questi esempi si è indotti a pensare che dietro questi meccanismi cosi’ sofisticati ci sia un disegno intelligente, altro che caso e necessità.

Cari saluti Nobile Migliore Nunzio

Tratto da AISO (associazione studi sulle origini)

“The First Gene”


La manipolazione di simboli è una tecnica avanzata – basata su formalismi astratti – che è usata quotidianamente in tutti i campi dell’attività umana, dalla filosofia all’informatica, dalla matematica alla linguistica, dalla letteratura alla tecnologia. E` tipica dell’intelligenza, l’unico generatore di formalismi e informazione prescrittiva.

Progetto cosmo

Perché i processi fisici non intelligenti non possono creare manipolazione simbolica? Perché invece le cellule biologiche la usano massivamente? Le risposte a queste domande hanno a che fare con il problema dell’origine della vita? Un’origine naturalistica della vita è solo altamente improbabile o è addirittura concettualmente impossibile? Cosa è l’informazione prescrittiva funzionale e come può dare organizzazione ai sistemi ultra-complessi, come sono gli organismi? Cosa significa il principio “il formalismo governa la fisicalità”, in formula: F>P? Le forze fisiche non guidate, come sono descritte dalle equazioni della fisica, agiscono meccanicamente e senza mente; ma può veramente la meccanica spiegare la vita? Una proto-cellula minimale cosa comporta necessariamente? Di quale tipo è e come eventualmente può essere calcolata la complessità dei giganteschi biopolimeri presenti nelle macchine molecolari dentro le cellule?

Il libro “THE FIRST GENE – The Birth of Programming, Messaging and Formal Control” (USA, LongView Press, 2011), un’antologia scritta dal direttore del “Gene Emergence Project” David L. Abel, insieme con altri autori, investiga in dettaglio tutte queste complesse materie ed altre ancora, dal rigoroso punto di vista delle scienze pure, matematica, teoria dell’informazione, scienza dei computer, teoria della probabilità, biochimica. Per fare ciò esso ha dovuto aprire campi di ricerca del tutto nuovi, chiamati ProtoBioSemiotica e ProtoBioCibernetica.

Questo libro, dopo aver appurato che:

“Le cellule sono sistemi squisitamente organizzati per svolgere compiti basati su formalismi”; “il codice genetico è concettualmente ottimale”; “la chiave della vita sono i controlli [quindi la programmazione]”;

ne deduce logicamente:

“Il caso e la necessità non possono programmare, gestire o regolare”; “la selezione naturale non può operare al livello di programmazione genetica/molecolare”; “nessuna combinazione di caso e necessità può scrivere le regole formali per costituire un sistema di simboli”; “le mutazioni non producono nuova Informazione Prescrittiva”; “l’evoluzione non può produrre organizzazione e schemi con potenzialità proto-metabolica”; “l’ambiente inanimato non può programmare. Le leggi della fisica e della chimica non possono programmare”; “la selezione naturale è eliminativa, non creativa”; “è un’impossibilità logica per il caso e la necessità l’esercizio di scelte contingenti”.

Anche l’errore evoluzionista della “auto-organizzazione” o “auto-emergenza” è giustamente messo a nudo: “nessuna entità fisica può ‘auto-organizzare’ la propria esistenza. Un effetto non può causare se stesso”; “nessuna tendenza in un processo fisico esiste nella natura inanimata in grado di auto-organizzare qualsivoglia meccanismo utile”.

“THE FIRST GENE” esamina sistematicamente tutti gli scenari speculativi che la scienza materialista mette sul tavolo, quando cerca di spiegare naturalisticamente l’origine della vita. Tutti vengono smentiti perché – in due parole – la “fisicodinamica non può produrre e gestire formalismi”. Anche l’ultimo scenario, l’ipotesi del multiuniverso, è scartata:

“Immaginare universi fisici multipli o tempo infinito non risolve il problema dell’origine della biocibernetica formalista (non fisica) e della biosemiotica usanti sistemi simbolici rappresentazionali lineari digitali.”

In pratica, perché, per esempio, una cellula biologica non pensa semplicemente: “Ho bisogno di certi aminoacidi per fare una proteina, li prendo direttamente dal mio magazzino materiali”? Perché la cellula deve usare un sistema digitale indiretto di processo dell’informazione che è molto più complesso di una mera operazione analogica, come è l’estrazione diretta da un magazzino? A queste domande rispose brillantemente il matematico John von Neumann negli anni ’50 (anni prima della scoperta del DNA da parte dei biologi!). Egli dimostrò matematicamente che automi auto-riproducenti (come sono le cellule) richiedono del software, cioè istruzioni memorizzate. A loro volta le istruzioni memorizzate implicano necessariamente del processo simbolico. In un certo senso “THE FIRST GENE” parte dal punto in cui von Neumann si fermò ed affronta direttamente e in profondità tutti i problemi relativi all’origine della vita e del software che essa comporta, primo fra tutti se essi sono risolvibili meccanicamente o se invece non lo sono neanche in linea teorica. “THE FIRST GENE” studia e sviluppa concetti scientifici, metodi e strumenti per risolvere questi difficili problemi.

“THE FIRST GENE”, scritto in maniera superba da Abel e i suoi collaboratori, è veramente un libro che merita essere letto, e costituisce in un certo senso l’ultimo “chiodo nella bara” dell’evoluzionismo e dell’origine naturalistica della vita, che sono le più colossali illusioni nella storia dello scientismo materialista, perché pretendono – senza bisogno dell’intelligenza – di trarre la vita dalla materia inorganica, la vera complessità ed organizzazione dalla semplicità, il più dal meno.

“Inchiesta sul darwinismo” un anno dopo.


Di Enzo Pennetta

E’ passato poco più di un anno dall’uscita del libro “Inchiesta sul darwinismo” e molte cose sono accadute.

 

Con Fabrizio Fratus si parlerà di cosa è cambiato nell’ultimo anno nel confronto sul darwinismo e di quali sono le prospettive future.

Di questo e di altri argomenti sul mondo della scienza e dell’evoluzione si occuperà la prossima puntata di Radio Globe One  “Evoluzionismo, un’ipotesi al tramonto?”.

N.B. come sempre chi volesse avere risposte particolari su qualche argomento potrà scrivere le proprie domande all’indirizzo di posta elettronica: mail@enzopennetta.it

Sabato  20 ottobre alle ore 12,30:

su Radioglobeone.it, “Evoluzionismo, un’ipotesi al tramonto?”

 

Con il Dottor Fabrizio Fratus, sarà ospite il prof. Enzo Pennetta.

 

La trasmissione si potrà ascoltare online collegandosi al sito della radio:

http://www.radioglobeone.it/radio.html

 

Le puntate precedenti sono disponibili al seguente link:

http://www.filebox.com/users/Leonetto

 

La fine del DNA spazzatura e perché conta


Jonathan M.

 

Molti critici del Disegno Intelligente si pongono le domande: “Perché un sito ID dovrebbe essere contento di questa scoperta [si tratta dei recenti risultati del progetto ENCODE (Encyclopedia of DNA Elements), secondo i quali almeno l’80% del DNA è funzionale]?”; “La scoperta che gran parte delle regioni non codificanti dei genomi è funzionale confuta il Darwinismo e conferma l’ID?”

Si, questa scoperta è molto significativa e di grande interesse per i teorici dell’ID e i critici di Darwin, per almeno quattro ragioni.

La prima ragione è che l’affermazione che la maggior parte del nostro DNA è “spazzatura” è stata per lungo tempo usata dai critici dell’ID come obiezione al disegno: perché un progettista avrebbe riempito i nostri cromosomi con così tanta ridondanza? Ciò sarebbe sorprendente nell’ipotesi del disegno ma avrebbe un senso in una prospettiva Darwiniana, dove tali sequenze possono essere pensate come “i residui degli esperimenti falliti dalla natura” (Ohno, 1972). Così, mentre queste scoperte non confermano in modo diretto l’ID o smentiscono il Darwinismo, rispondono però ad una frequente critica dell’ipotesi di disegno.

La seconda ragione è che questa notizia dimostra il grande valore euristico dell’ID rispetto al naturalismo evoluzionistico. Mentre il concetto che la vita è il prodotto di un processo naturale cieco e non guidato va d’accordo con l’idea che un mucchio del nostro DNA non abbia alcuna funzione, il concetto di disegno porta a pensare che troveremo scopi ingegneristici in ogni parte della cellula. Mentre il paradigma evoluzionista scoraggia e ostacola la ricerca delle funzionalità, il paradigma ID la incoraggia decisamente.

Terzo, il DNA spazzatura condiviso [fra le specie] è stato spesso supposto offrire prova della discendenza comune Darwiniana [di tutte le specie da un unico progenitore]. Ma se queste sequenze non codificanti sono di fatto funzionali allora queste sequenze condivise possono essere facilmente spiegate dal disegno comune.

Infine, la sbandierata “identità” genomica del 98% tra uomo e scimpanzé si riferisce solo al 2% del DNA che codifica per la produzione di proteine. Le regioni del DNA non codificanti per proteine sono molto più specifiche per ogni specie. Se queste parti di DNA non codificanti sono veramente funzionali, allora cosa succede a tale “identità” e alla sua significanza rispetto all’ipotesi del “progenitore comune” di Darwin?…

 

Tratto da Progetto Cosmo

I 20 ENZIMI CHE FALSIFICANO IL DARWINISMO


Esistono 20 enzimi che sono di capitale importanza nel processo di traduzione del codice genetico in proteina. Essi sono chiamati con un nome un pò complicato ma che rende l’idea :si chiamano aminoacil-RNA transfersintetasi. Nella parola è racchiuso il compito che essi hanno; ciascuno di essi ha due siti attivi: uno riconosce uno dei venti aminoacidi esistenti e solo quello, il sito è adattato perfettamente al suo specifico aminoacido, se per esempio l’aminoacido è piccolo il sito è anch’esso piccolo ,se è grande è anch’esso grande, se ha una determinata forma il sito possiede anch’esso una forma che si adatta perfettamente ad esso. Oltre questo sito ogni enzima possiede un altro sito che si adatta perfettamente ad un’altra molecola ,il RNA transfer che possiede la tripletta di basi nucleotidiche che codifica per quell’aminoacido specifico. Il RNA transfer è una molecola a forma di trifoglio, alla cui base è presente la tripletta specifica e all’estremo opposto viene attaccato dall’enzima l’aminoacido corrispondente, e l’enzima ha la capacità di riconoscere solo l’RNA transfer specifico per quel determinato aminoacido, dato che ogni RNA-transfer è diverso dall’altro per la sequenza delle basi nucleotidiche L’RNA transfer poi con il suo aminoacido attaccato andrà al ribosoma dove avverrà la sintesi della proteina .In questo doppio riconoscimento non si possono fare troppi errori perché gli errori sono fatali perché si può mettere l’aminoacido giusto nel RNA transfer sbagliato o l’aminoacido sbagliato nel RNA transfer giusto o ancora l’aminoacido sbagliato nel RNA transfer sbagliato. Qualche volta capita che si commetta un errore e allora interviene un altro sistema proteico di correzione degli errori. Alla fine gli errori sono pochissimi ,uno ogni 500.000 aminoacidi .E’

evidente che questi enzimi devono essere sorti agli albori della vita tutti insieme perché la mancanza di un solo enzima avrebbe causato l’impossibilità di fare una traduzione corretta del messaggio genetico con gravi alterazioni della sequenza aminoacidica nella proteina corrispondente e avrebbe portato in brevissimo tempo al collasso della vita come noi la conosciamo. La funzione deve essere stata perfetta sin dall’inizio, pena la morte della cellula. Ricordiamoci che la funzione di ogni proteina dipende dall’esatta sequenza degli aminoacidi nella molecola. Questa scoperta scientifica falsifica il darwinismo senza discussione e, a mio avviso ,senza rimedio. E’ notevole il fatto che questi enzimi sono anch’essi codificati dal DNA e quindi i creatori della codifica sono anch’essi codificati! Scusate se non sono stato chiaro in alcuni punti ma le cose della vita sono di una complessità

straordinaria.

Nunzio Nobile Migliore medico-chirurgo

WIKIPEDIA E GLI ORGANI RESIDUALI


Consuetudine di tutte le nuove generazioni è la ricerca di informazioni tramite il web ma senza un reale controllo delle informazioni trovate in rete. Questo diviene un problema soprattutto se a scrivere “baggianate” è un sito come Wikipedia denominato “enciclopedia libera”. Il sito di wikipedia può divenire un mezzo per informazioni errate come dimostra il link http://it.wikipedia.org/wiki/Vestigia_(biologia).

Molti, leggendo ciò che viene scritto sulla pagina del sito si convinceranno che la teoria di Darwin abbia prove inconfutabili tra cui i famosi (ex) organi vestigiali. Ma quanto c’è di vero in quello che viene divulgato sul sito?

Nulla, semplicemente nulla. Ho già avuto modo di parlare di come il Wikipedia sia pieno di vere e proprie informazioni errate riferendomi alla pagina dedicata ai famosi anelli mancanti.

Veniamo a noi. Tra i primi a stilare la lunga lista di organi “inutili” troviamo l’anatomista tedesco R. Wiedersheim; Wiedersheim nel 1895 comprese approssimativamente oltre 100 organi, inclusi l’appendice e il coccige.

Gli evoluzionisti, sostengono, molti ancora oggi, che nei corpi di alcune creature, é esistito un certo numero di organi non funzionali. Questi organi, ereditati dai progenitori, gradualmente divennero rudimentali a causa del mancato uso.

La realtà è che la loro funzione non era ancora stata scoperta…

Lo stesso S. R. Scadding, noto evoluzionista, scrisse sulla rivista Evolutionary Theory: “Dal momento che non è possibile identificare senza ambiguità strutture inutili e dal momento che la struttura dell’argomento utilizzata non è scientificamente valida, concludo che gli “organi vestigiali” non forniscono alcuna prova speciale per la teoria dell’evoluzione.” (Pag.154)

Tra i diversi organi ritenuti “rudimentali” troviamo il coccige, le tonsille e l’appendice. Il primo organo da me citato ha una funzione ben specifica e altro che organo residuale, infatti ha lo scopo di sostenere le ossa attorno al bacino ed è il punto di convergenza di piccoli muscoli indispensabili all’uomo.

Le tonsille, hanno un importante compito di protezione della gola dalle infezioni durante il periodo dell’adolescenza. L’appendice fa parte del sistema immunitario, non è un organo primario e l’uomo può vivere bene anche senza di esso ma il suo corretto funzionamento è utile a tutto l’organismo.

La funzione dell’appendice costituisce l’insieme del sistema immunitario che è composto da cellule, organi e molecole e tutti insieme contribuiscono in modo diverso ma omogeneo alla difesa da batteri, virus o funghi.

Anche senza udito, braccia, gambe, tatto etc. possiamo vivere, ma non per questo, ovviamente, qualcuno si è mai sognato di dire che sono organi rudimentali.

Ancora oggi le informazioni relative alla teoria di C. Darwin sono manipolate e strumentali al pensiero materialista che impregna la nostra società. Sostenere che la vita arrivi dalla materia inanimata, dallo spazio o altro è un’assurdità talmente grossolana che rasenta la stupidità umana. La verità è che non sappiamo, scientificamente parlando, come sia nata la vita.

Sappiamo solo che l’uomo non è una specie in transizione come non lo sono le altre specie; lo dimostrano i fossili. La teoria di Darwin non è dimostrata e, ancora oggi, fa molti danni sia in campo sociale come in quello medico.
Fabrizio Fratus