IL RENE: STRUTTURA ORGANIZZATA


Il rene è un organo di un enorme importanza per l’organismo, senza di esso non può esistere vita ;possiede importanti funzioni: regola l’equilibrio idro-elettrolitico dell’ organismo,cioè se avviene una perdita eccessiva di liquidi o un’introduzione scarsa di acqua il rene concentra le urine ,cioè con un meccanismo di feedback assorbe maggiori liquidi ,se invece si hanno liquidi in eccesso diluisce le urine mantenendo cosi’ in equilibrio il bilancio idrico. Inoltre regola l’equilibrio acido-basico mantenendo costante il ph ematico; elimina varie sostanze tossiche per l’organismo come l’urea, l’acido urico e la creatinina; ha una funzione ormonale perchè secerne gli ormoni che regolano la pressione arteriosa e l’eritropoietina che induce il midollo osseo a produrre i globuli rossi; inoltre produce il calcitriolo ,la forma attiva della vit.D e regola quindi il metabolismo fosfo-calcico. Dal punto di vista strutturale è formato da una porzione più esterna ,la corticale e una porzione più interna la midollare. L’unità strutturale fondamentale del rene è il nefrone: ogni rene possiede un milione di nefroni. Il nefrone è formato da due parti fondamentali :il corpuscolo di Malpighi e i tubuli. Il corpuscolo di Malpighi è situato completamente nella corticale ed è formato dal glomerulo e dalla capsula di Bowman. Il glomerulo è formato da un intreccio di capillari sanguigni provenienti dall’arteria afferente al glomerulo il quale è rivestito dalla membrana basale la quale è rivestita dall’epitelio viscerale della capsula di Bowman che si continua al polo vascolare coll’epitelio parietale della capsula stessa, il quale epitelio parietale è in continuità col polo urinario e quindi colla parte tubulare del nefrone. Dal polo vascolare parte poi l’arteria efferente che circonda tutta la parte tubulare del rene.
All’interno del glomerulo esiste il mesangio formato da cellule e matrice; le cellule sono ricche di actina e miosina ,quindi sono cellule contrattili che ,contraendosi regolano il lume dei capillari glomerulari regolando l’afflusso di sangue nei capillari glomerulari. I capillari sono fenestrati con varchi di 100 millimicron e quindi essi sono poco selettivi. I capillari sono rivestiti dalla membrana basale che ha carica negativa determinati dal fosfolipide ac.sialicoe ed è la più selettiva ;oltre la membrana basale si trova l’epitelio viscerale della capsula di bowman con cellule che hanno dei prolungamenti chiamati podociti che terminano in altri prolungamenti più sottili ,i pedicelli che si attaccano ai capillari glomerulari.I podociti sono rivestiti da mucopolisaccaridi composti da ac.sialico che rendono carica negativamente la superficie dei podociti e cioè è essenziale per la filtrazione :inoltre i podociti hanno la funzione di rinnovare continuamente la membrana basale .La pressione idrostatica dei capillari glomerulari è di 25 mm.di mercurio al netto della pressione oncotica delle grosse molecole proteiche circolanti e della pressione idrostatica vigente nella capsula di Bowman. Questa pressione di 25 mm.di mercurio serve a filtrare dal plasma dei capillari la preurina che si raccoglie nella caplula dove esiste uno spazio tra la parete viscerale e la lo strato parietale. La preurina ha una composizione simile a quella del plasma ad eccezione delle grosse molecole proteiche che vengono trattenute in parte nei capillari glomerulari. La seconda parte del nefrone è costituita dai tubuli,che si dividono in tubulo prossimale contorto, ansa di henle ,con una parte ascendente e discendente e il tubulo contorto distale ;nel tubulo contorto distale si ha un ispessimento di cellule ,la macula densa ;queste cellule sono sensibili alla concentrazione di sodio nel tubulo ;se la concentrazione si abbassa queste cellule vengono stimolate e mandano segnali all’apparato iuxtaglomerulare presente a ridosso del glomerulo; l’appararato iuxtaglomrulare è formato da cellule speciali che secernono renina che favorisce l’assorbimento di sodio nel tubulo distale; esiste quindi un collegamento a feedback tra il tubulo distale e l’apparato iuxtaglomerulare per regolare l’assorbimento di sodio. Il tubulo contorto prossimale invece è deputato all’assorbimento della maggior parte dell’acqua ,circa il 60%,creando cosi’ urine più concentrate. Il rene filtra ogni giorno attraverso il glomerulo circa 160 litri di acqua ;noi però ogni giorno eliminiamo un litro ,un litro e mezzo di acqua attraverso l’urina. E’ facile capire quanto lavoro di assorbimento facciano i tubuli renali ogni giorno. Questo assorbimento è regolato finemente con assorbimento passivo per l’acqua ,ma anche assorbimento attivo per i soluti come il sodio ,il potassio ,il cloro ,i bicarbonati e l’idrogeno ,oltre a molecole come il glucosio ,e l’eliminazione di sostanze tossiche attraverso speciali pompe poste nelle cellule dei tubuli: la pompa sodio atpasi, la potassio-atpasi, la pompa idrogeno ecc. Il rene è anche un organo endocrino perchè secerne alcune sostanze importantissime. Incominciamo dalla renina. La renina è un enzima proteolitico secreto ,come abbiamo già detto dalle cellule iuxtaglmerulari. La renina entra nel circolo ematico e incontra un glicopeptide prodotto dal fegato l’angiotensinogeno scindendolo e formando l’angiotensina I che viene scissa da un altro enzima e trasformata in angiotensina II la quale esercita una azione ipertensiva cioè vasocostrittice sia a livello generale che a livello renale mantenendo quindi costante la pressione dei capillari a livello renale ,essenziale questo per la costanza della filtrazione e assorbimento dei soluti. Il rene secerne anche ,forse a livello del tubulo contorto distale l’eritropoietina ,un polipeptide che possiede un’azione specifica nel midollo osseo provocando la maturazione dei globuli rossi e la loro messa in circolo sotto forma di reticolociti ;questo avviene soprattutto con un meccanismo di feedback quando vi è una perdita di sangue o un anemia. Ancora il rene trasforma la vit.D inattiva nel calcitriolo che è la sua forma attiva e contribuisce pertanto al metabolismo osseo e al ricambio del calcio e del fosforo. Questa breve e sintetica rassegna dimostra che il rene è un organo altamente progettato e ingegnerizzato ed anche irriducibilmente complesso. E ‘ chiaramente impossibile che si sia formato per caso ;dietro alla sua costruzione c’è una grande intelligenza ,d’altronde gli ingegneri hanno progettato il rene artificiale che salva tante vite attraverso la dialisi quando il rene non funziona più .Il rene artificiale imita le funzioni del rene naturale ,anche se in modo più imperfetto ed è stato progettato dall’intelligenza umana. Secondo invece certa pseudoscienza darwiniana il rene naturale sarebbe frutto del caso! Sia invece lode all’Intelligenza che l’ha creato.

Cordiali saluti Nobile Migliore Nunzio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...