L’ATEO THOMAS NAGEL: IL NEODARWINISMO E’ QUASI CERTAMENTE FALSO


Thomas Nagel, pensatore fra i più autorevoli della scena culturale anglofona, ateo dichiarato, ha pubblicato di recente una nuova opera dal titolo emblematico: Mind and Cosmos. Why the Materialist Neo-Darwinian Conception of Nature is Almost Certainly False. In essa dichiara senza mezzi termini l’incapacità del paradigma neo-darwiniano di render conto della complessità dell’evoluzione e di tutto quanto ad essa collegato: l’origine della vita, della coscienza, etc. Riconosce altresì il merito dei teorici dell’Intelligent Design di aver scosso le acque del dibattito con le loro critiche, anche se mosse per lo più da interessi religiosi che a lui risultano invece estranei. Ecco la mia traduzione di un passo molto significativo tratto dal libro di Nagel: “Nel riflettere intorno a queste problematiche sono stato stimolato  dalla critica alla prevalente visione scientifica del mondo …. dai difensori dell’intelligent design. Anche se autori come Michael Behe e Stephen Meyer trovano un’almeno parziale motivazione nelle loro credenze religiose, gli argomenti empirici che essi adducono contro la probabilità che l’origine della vita e  la sua storia evolutiva possano essere interamente spiegate dalla fisica e dalla chimica sono di grande interesse in sé. … . Anche se non si viene portati alla spiegazione alternativa offerta dall’azione di un progettista, i problemi che questi iconoclasti pongono per il consenso scientifico ortodosso dovrebbero essere presi in seria considerazione. Essi non meritano il biasimo che comunemente incontrano. E’ chiaramente poco corretto”.

Bene, gli  Stati Uniti, Paese leader della ricerca scientifica mondiale, sanno riflettere anche in maniera acre sulle grandi questioni scientifiche. In alcuni Stati dell’Unione (Tennessee, Louisiana, e.g.) è stato applicato fino in fondo il principio della libertà della scienza. Al confronto, l’Italia offre uno spettacolo desolante. Tutti a piangere per la mancanza di una cultura scientifica diffusa, ecc. ecc., ma nessuno (o quasi. Una voce isolata è quella di Piattelli Palmarini, non a caso docente al MIT)  che osi levarsi contro i dogmi scientifici prevalenti.

E’ proprio questo che ci fa essere culturalmente indietro.

Fernando di Mieri

 

 

The Guardian; si può consultare il giornale sul http://www.guardian.co.uk/science/2008/sep/16/michael.reiss.resignation. L’11 settembre 2008 Michael Reiss, professore di educazione scientifica all’Università di Londra e direttore dell’istruzione presso la Royal Society, la più antica società scientifica del mondo, dichiarava pubblicamente che il creazionismo andrebbe insegnato non come un’idea sbagliata, ma come una diversa visione del mondo. Per questa dichiarazione alcuni membri della Royal Society, tra i quali i premi Nobel Sir Harry Kroto e Sir Richard Roberts, hanno chiesto le sue dimissioni da direttore dell’istruzione presso la Società, e il 16 settembre 2008 Reiss ha rassegnato le dimissioni.

2 pensieri su “L’ATEO THOMAS NAGEL: IL NEODARWINISMO E’ QUASI CERTAMENTE FALSO

  1. Pingback: Oh Oh! L’ateo Thomas Nagel: il neodarwinismo è quasi certamente falso! | Lo Sai

  2. Pingback: Radio Globe One – Recensione 15/12: La fede evoluzionista, come l’ateismo, prega la scienza neodarwinista…? | Critica Scientifica - di Enzo Pennetta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...