sopravvivenza autonoma della cellula batterica, COMMENTO ALL’ ARTICOLO DEL DR. BUSTI



aggiungo alcune considerazioni al bell’articolo del prof. Busti comparso recentemente nell’eco dei lettori.http://www.origini.info/articolo.asp?id=449

Studi recenti hanno scoperto che la sopravvivenza autonoma della cellula batterica è assicurata da almeno 300 geni e quindi se ogni gene codifica una proteina nella cellula batterica ci vogliono almeno 300 proteine essenziali per la loro sopravvivenza.Si può quindi considerare questo gruppo di proteine una struttura complessa a complessità irriducibile,se ne manca solo una nulla può funzionare.Se si calcola la probabilità, che questa struttura sia sorta percaso bisogna sommare la probabilità di una proteina media di 300 aminoacidi+ più le altre 299 proteine :ciò fa un numero enorme :20 _elevato a 9000!Ciò rende impossibile l’evoluzione casuale passo dopo passo di questa
struttura.A mio avviso il darwinismo è totalmente falsificato da questa scoperta .

Dr. Nunzio Nobile Migliore

Un pensiero su “sopravvivenza autonoma della cellula batterica, COMMENTO ALL’ ARTICOLO DEL DR. BUSTI

  1. La complessità della cellula batterica è talmente complessa che ci fà capire che la vita sulla Terra è stata progettata da qualcuno che opera nello spazio ,che noi comuni lo consideriamo un Dio.Ma,io,non credo alla bacchetta magica,forse la realtà è più complessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...