Revisione dell’età di Hobbit, l’uomo di Flores


Un vecchio commento di Mihael Georgiev

Nel 2003 in una cava dell’isola indonesiana di Flores fu scoperto il fossile di un nostro cugino-nano, chiamato Hobbit o “uomo di Flores”. In base alla datazione radiometrica del materiale circostante i reperti fossili furono datati come recenti, a 13 mila anni fa, e questo rendeva problematico l’inserimento dell’uomo di Flores nella storia evolutiva attualmente insegnata.

Nel numero di 18 marzo 2010 la rivista Nature pubblica la proposta di spingere indietro l’età della comparsa dei Hobbit di … quasi un milione di anni, in base all’analisi degli utensili e strumenti di pietra utilizzati da quei uomini (Rex Dalton, “Hobbit origins pushed back”, Nature, 2010;464:335 (18 marzo) .

 

Infatti, a seconda del metodo utilizzato per la datazione dei fossili (in quasi tutti i casi indiretto), si possono ottenere risultati diversi, anche se qui parliamo di comparsa e scomparsa di una forma umana, ed è legittimo aspettarsi età differenti per i due eventi.

Sta di fatto che ciò illustra bene due concetti: l’inaffidabilità delle datazioni e il fatto che, se utile alla tesi che si vuole sostenere, la presunta età degli utensili scavalca quella radiometrica. Senza pensare che proprio nelle isole del pacifico esistono ancora delle tribù che vivono ne “l’età della pietra”.

Charles Darwin.Oltre le colonne d’Ercole

Durante il lungo viaggio con la nave Beagle, Charles Darwin fece osservazioni e raccolse reperti che sfidavano le conoscenze, il credo comune, l’ignoto e il futuro. La teoria che in seguito formulò ha avuto un impatto senza precedenti nella storia intellettuale dell’Occidente sulla scienza, la filosofia, la cultura e il senso comune.

Ma le grandi idee portano a reazioni e opposizioni altrettanto grandi. L’opera di Darwin è stata subito contestata e le controversie non sono mai cessate, per trasformarsi, negli ultimi decenni, in un dibattito acceso e globale. Duecento anni dopo la nascita del grande naturalista e 150 anni dopo la pubblicazione del suo capolavoro L’origine delle specie, questo saggio porta il lettore in un nuovo e affascinante viaggio, alla scoperta delle radici, la natura e la storia del dibattito sull’evoluzione. Una ricca raccolta di materiale, in gran parte inedito in lingua italiana, mette il lettore a contatto diretto con i protagonisti, le idee, le ricerche e le strategie delle diverse parti della controversia, in una prospettiva ampia, che comprende 3000 anni di storia della civiltà occidentale. Un viaggio intellettualmente stimolante che allo stesso tempo tocca le domande più profonde: chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo.

http://www.origini.info/libro.asp?id=108

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...