Come è facile ottenere risultato opposto al previsto


Su un recente numero di Science (“Creationists Made Me Do It”, Science 2009;325:945, 21 agosto 2009), Patrick J. Keeling del Dipartimento di botanica dell’Istituto canadese di ricerca avanzata presso l’Uuniversità della British Columbia di Vancouver, racconta di essere diventato evoluzionista grazie ai creazionisti. Ecco la sua testimonianza:

A scuola sono stato sempre uno studente mediocre, specialmente alle superiori. Non sapevo cosa volevo fare e nulla sembrava interessarmi. Tutto è cambiato quando un creazionista ha tenuto una lezione nel mio corso di biologia. In quel giorno fatidico, tutti gli studenti di scienze sono stati ammassati nell’auditorio della scuola dove è stata presentata una lunga e riccamente illustrata descrizione letterale del creazionismo. Ci era stato detto che per “bilanciare” la nostra formazione, avremmo presto seguito un’altrettanto lunga presentazione sull’evoluzione. Questa, come molte altre cose sentite qual giorno si sono rivelate false e la lezione sull’evoluzione non si è mai tenuta, motivo per cui ho conseguito il mio diploma avendo sentito parlare solo di creazionismo. La scuola aveva però finalmente ottenuto la mia attenzione. Io volevo conoscere ciò che era andato perso e perché. Per la prima volta nella mia vita ho aperto di buon grado i miei libri di testo e li ho letti per studiare attentamente. Con crescente interesse ho capito che la teoria dell’evoluzione aveva un senso enorme e che ero stato raggirato nel mio corso di biologia. Non va sottovalutato il fascino della ribellione di un adolescente contro il sistema. Quel giorno è iniziato il mio percorso verso la carriera di biologo evoluzionista. Abbiamo imparato altre cose nel corso di scienze in quello stesso anno, come ad esempio che ad ogni azione corrisponde una reazione opposta. Almeno per uno studente imbronciato della piccola città Owen Sound in Ontario (Canada), c’è voluto un creazionista per fare di lui un biologo evoluzionista”.

L’autore della lettera può essere contattato al pkeeling@interchange.ubc.ca

Una breve lettera non può entrare nei dettagli. La reazione dell’adolescente ribelle gli fa onore, dato che è rivolta contro un raggiro, un tentativo di presentare una sola delle interpretazioni della storia della vita, magari anche in modo inadeguato. Ma storie del genere si possono raccontare anche a rovescio. Nel mio piccolo ricordo un giovane laureato in economia il quale, dopo aver letto un mio saggio, mi disse: “la lettura mi ha lasciato sapore amaro in bocca, giacché ho capito di essere stato raggirato a scuola”. In un recente video, l’insegnante di biologia Kish Poddar alla Stanborough School in Gran Bretagna, scuola superiore privata gestita da una denominazione cristiana (avventista), racconta la sua esperienza. Da 30% a 40% degli studenti non sono cristiani. In ottemperanza al curriculum nazionale, Poddar insegna esaustivamente la teoria dell’evoluzione, però dopo spiega la sua personale opinione, ovvero che secondo lui l’evoluzione non è una spiegazione adeguata della storia della vita, e i dati delle scienze naturali sono spiegabili meglio come risultato di un progetto superintelligente, se non addirittura nei termini del racconto biblico della creazione. Per la sua massima sorpresa, la maggior parte degli studenti non cristiani (che forse per rispetto l’insegnante non chiama né mediocri né imbronciati) finiscono per preferire l’interpretazione creazionista. La testimonianza di Kish Poddar è disponibile, per ora, solo in inglese, e si può ascoltare sul video www.avventisti.it/download/na/2009/Creazione-Video.zip.

La lettera di Keeling è stata pubblicata da Mauro Mandrioli sul sito Pikaia (http://www.pikaia.eu/easyne2/LYT.aspx?IDLYT=283&Code=Pikaia&ST=SQL&SQL=ID_Documento=4839&CSS=Dettaglio). Mandrioli però non ha ritenuto opportuno tradurre la frase che io ho sottolineato sopra in neretto. Frase che secondo me è la chiave di lettura della lettera stessa, improntata sulla ribellione all’indottrinamento piuttosto che sulla forza esplicativa della teoria dell’evoluzione. E siccome ad ogni azione corrisponde una reazione opposta, occhio ai tentativi di censura e di omologazione al sistema praticate sistematicamente dagli evoluzionisti. Ha mai pensato, Mandrioli, per ogni studente che diventa evoluzionista per “merito” dei creazionisti, quanti ne diventano creazionisti per colpa dell’insegnamento dell’evoluzione? Che se non sbaglio, è l’unico insegnamento offerto da queste parti.

Mihael Georgiev,

autore di “Charles Darwin. Oltre le colonne d’Ercole” Gribaudi editore

2 pensieri su “Come è facile ottenere risultato opposto al previsto

  1. Bhe per me vale proprio questa cosa.
    Ho smesso di credere all’evoluzione proprio studiandola a scuola.

  2. “Ha mai pensato, Mandrioli, per ogni studente che diventa evoluzionista per “merito” dei creazionisti, quanti ne diventano creazionisti per colpa dell’insegnamento dell’evoluzione? Che se non sbaglio, è l’unico insegnamento offerto da queste parti.”

    ..ma allora perche’ si continua a far tanto chiasso con sta -Teach the Controversy- se e’ cosi’ dovreste essere soddisfatti ed in silenzio aspettare il lento arricchirsi delle vostre fila no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...